Il corpo che vuoi di Alexandra Kleeman

IMG_2981

“Ho sempre desiderato quel tipo di intimità, profonda ma indiretta,
un amore agile ed effervescente come un programma televisivo.”

Corpi affamati, trasparenti e stanchi. Personalità smarrite, sfasate e intricate. Nell’America contemporanea i fantasmi da affrontare non sono solamente outside, ma vivono intrinsecamente legati allo sviluppo e declino dell’ideale americano. Nel suo romanzo d’esordio la giovane Alexandra Kleeman ci accompagna in un incubo destinato ad aggiornare le tematiche statunitensi, suggerendo una virata che la distanzia di misura dal resto della letteratura contemporanea d’oltreoceano, facendola spiccare come un’innovatrice, una sperimentalista.

Scrivere il mio nuovo libro è così difficile, non può essere niente di ciò che ho in mente adesso” ha detto durante l’interessantissima presentazione a Firenze, il 7 giugno. Ha anche raccontato di aver scritto Il Corpo che vuoi durante la notte, “quando gli altri sono svegli, così da poter rubare la loro wakeness (l’essere sveglio).

Continua a leggere “Il corpo che vuoi di Alexandra Kleeman”

La ragazza dai capelli strani

img_2513

Dopo aver letto “La ragazza dai capelli strani” ho provato il desiderio di scriverne una recensione, ma mi si è parata davanti una grossa difficoltà nel mettere ordine tra i pensieri, visto che si tratta di David Foster Wallace.

Foster Wallace è per me una scoperta relativamente recente, eppure già imprescindibile e onnipresente nella mia vita da lettrice. Mi ha dimostrato di essere quel tipo d’autore che, una volta scoperto, è capace di cambiare non le carte in tavola, ma il gioco stesso che ci stava tenendo tutti molto impegnati.

Continua a leggere “La ragazza dai capelli strani”